Sai stimare la tua rendita pensionistica?

Per stimare la propria rendita pensionistica occorre:

  • calcolare il montante contributivo complessivo
  • moltiplicare il montante contributivo per il coefficiente di trasformazione legato all’età anagrafica in cui si esce dal mondo del lavoro
  • dividere tale importo della pensione lorda annua per 13 mensilità.

C’è da precisare che l’effetto dei coefficienti di trasformazione si fa sentire solo sulle quote di pensione il cui calcolo è basato sul sistema contributivo, cioè quello che tiene conto dei contributi versati ai fini pensionistici.

Il coefficiente di trasformazione è legato all'età di pensionamento, quindi prima si esce dal mondo del lavoro minore sarà il coefficiente e maggiore sarà l’impatto sull’importo finale della pensione.

Ti faccio un esempio:

Un lavoratore dipendente il cui assegno viene calcolato interamente con il sistema contributivo e che nel 2021 compie 67 anni e ha accumulato un montante contributivo individuale complessivo di 330mila euro, otterrà un assegno previdenziale mensile lordo pari a circa 1.400 euro, contro gli oltre 1.600 euro che percepirebbe se lasciasse il lavoro a 71 anni e i circa 1.300 che avrebbe percepito se fosse andato in pensione a 65 anni.

Richiedi una consulenza e scoprirai molte informazioni utili per il tuo Futuro! 

Dove puoi trovarmi

Qui troverai tutte le informazioni per contattarmi

Contatti

Simone Favaretto

via giudecca 1/1
30035 - MIRANO
Seguimi

Per una prima consulenza, scrivimi!