LE SCIMMIE CAPPUCCINE

Alcuni degli errori commessi nelle nostre scelte economiche quotidiane costituiscono la regola e non l’eccezione. Ricorrono indipendentemente dal contesto, dalla cultura e dalla professione e a quanto pare sono addirittura trasversali a diverse specie! Lo si apprende da uno studio di un gruppo di ricercatori dell'Università di Yale, apparso sul Journal of Political Economy.
Studi empirici stimano che il “dispiacere” che proviamo nel perdere, poniamo, 100 euro possa essere compensato solo dalla soddisfazione di guadagnarne almeno 250.
Quando devono scambiare delle finte monete di alluminio con pezzi di frutta, le scimmie cappuccine si comportano esattamente nello stesso modo. Proprio come l’uomo manifestano di subire l’effetto dell’avversione alle perdite. E proprio nello stesso rapporto di 2,5 a 1!
L’avversione alle perdite sembra così essere una caratteristica innata ed evolutivamente antica del nostro sistema di preferenze. Così antica da risalire ad almeno 40 milioni di anni fa, prima cioè che scimmie cappuccine e uomo si differenziassero a partire dal loro comune antenato.
Fonte: Trappole mentali, Milano, 2008

Dove puoi trovarmi

Qui troverai tutte le informazioni per contattarmi

Contatti

Simone Favaretto

via giudecca 1/1
30035 - MIRANO
Seguimi

Per una prima consulenza, scrivimi!